sabato 19 settembre 2015

Premiazioni gare MASTER. Il gioco al ribasso

Organizzare delle gare di Orienteering è una discreta faticaccia, chiunque lo ha provato ne è ben conscio. Se poi il numero di persone a disposizione del team è ridotto, allora lo sforzo può anche essere immane. Personalmente ho provato la differenza nell'organizzare con il Trent-O dove disponiamo di un team che oserei definire fenomenale e super efficiente, e con la Polisportiva Oltrefersina per le gare CSI dove i numeri dello staff sono notevolmente inferiori.
La premessa è per sottolineare che conosco bene gli sforzi che si fanno per fornire un buon servizio ai concorrenti e pertanto non posso certamente avere un approccio del tipo schizzinoso o massimalista.
Tuttavia non posso fare a meno di sottoporre all'attenzione dei lettori il gioco al ribasso che sta avvenendo in diverse organizzazioni specialmente per quanto riguarda le premiazioni delle categorie Master (e ricordo che questo sito si chiama Orienteering Master...), per le quali la moda, oserei dire quasi dilagante, è quella di fare premiazioni solo al primo classificato e non ai primi tre come da prassi.
Trovo questo approccio veramente povero sia nei contenuti motivazionali che nella sostanza, e cerco di motivare questa affermazione. Il cosiddetto "podio" è solo un momento di piccola soddisfazione per avere ottenuto un buon risultato, ma che l'evidenza dei fatti in termini di prestazioni non può che evidenziare che ha a monte una costruzione fatta di molto, ma molto allenamento. Guardate le classifiche e i tempi di percorrenza al km-sforzo di molte gare 35 e 45 sia maschili che femminili e capirete che per arrivare nei primi tre occorre "pedalare" non poco. E di fare errori nemmeno se ne parla.
Per un 35-65 enne poi, non è certamente importante portare a casa un "bene materiale"; immagino che questo sia chiaro a chiunque abbia un minimo sindacale di neuroni in attività nel cervello. Ma essere chiamati dallo speaker e fare una foto da tenere come ricordo ha un valore innegabile in termini di gratificazione sportiva alla preparazione svolta e al risultato raggiunto .
Sistemato l'aspetto filosofico passiamo a quello materiale.
Consideriamo quattro categorie Master 35-45-55-65 sia maschili che femminili. Il gioco al ribasso-risparmio comporta la "esorbitante" abolizione di 2 (secondo + terzo) * 2 (maschile + femminile) * 4 (categorie) = 16  premiazioni.
Consiglio listino LIDL o altro discount, e per una soddisfacentissima provvista di generi alimentari credo che 3 € possano essere più che sufficienti. Spesa complessiva 16 * 3 = 48 €. Vi invito a fare due calcoli sul valore assoluto delle quote iscrizione in tutte le gare, raccolte nelle categorie master 35-45-55-65, ma anche sulla loro % del totale assoluto per capire come la scelta di premiare solo il primo Master abbia anche il carattere di cosa indiscutibilmente ingiusta.
Qualcuno obietta che si allunghino i tempi delle premiazioni. Bene: una chiamata di un atleta credo possa richiedere, se fatta ad esempio accomunando categoria maschile con femminile un tempo massimo di 5 secondi. 16 (chiamate-premiazioni) x 5 (secondi per chiamata) = 80 secondi. Un minuto e 20 secondi complessivo. Non mi esprimo sulla razionalità delle affermazioni di qualcuno che nell'arco di una intera giornata di organizzazione, sostiene che allungare di tempi così "biblici" una premiazione sia una perdita di tempo inaccettabile.
E infine la madre di tutte le motivazioni : non si fanno le premiazioni Master perché un Master dovrebbe andare alle gare solo per divertirsi. Per questa affermazione rimando al concetto del neurone nel cervello. Se così fosse allora ELIMINIAMO del tutto le gare Master così gli atleti dai 35 anni in su, invece che partecipare alle gare, si potranno andare a divertire da soli, andando a correre nei boschi da soli, facendosi dei percorsi di allenamento da soli. Invito il lettore a osservare quanti partecipanti ci sarebbero alla maggior parte delle gare senza le categorie Master.
Spero che questa tendenza al ribasso, senza motivazioni, cessi prima possibile perché è davvero spiacevole per contenuti morali e materiali.
Mi permetto anche di scrivere che anche alcune altre piccole cosette, che costano davvero poca fatica, come la preparazione della descrizione punti, anche da ritirare "self service" in partenza, appartiene a quel tipo di servizio che costa praticamente zero fatica, ma conferisce qualità ad una organizzazione.
Il Trent-O , fino a quando sarò presidente, non si presterà a questi immotivati giochi al ribasso.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Bravo Andrea, sottoscrivo tutto ciò che hai scritto.
Finalmente si alza una voce, e spero che non sia l'unica, contro la scellerata decisione che il Trentino (Comitato), ha deciso di mettere in cantiere da quest'anno.
Non si tratta né di premi, né di tempi lunghi, ma una competizione sportiva agonistica deve vedere il suo compimento con la reciproca stretta di mano sul podio.
Augusto

Orienteering e dintorni ha detto...

A ciò aggiungerei che ultimamente i tracciati dei Master sono oggi in Italia a dir poco trascurati, spesso banali o semplicemente ricavati da tagli effettuati su altri percorsi. Vorrei ricordare a tutti i tracciatori dell'ultima generazione che in M60 oggi corrono gli ex elite che facevano parte della Nazionale degli anni 80 (Bisoffi, Cavazzani, Bettega, Zanetello, M.Pradel). Ci sarebbe anche Pino Dellasega, ma ha deciso di fare dell'altro ...

Bepi Simoni ha detto...

Non è banale organizzare e gestire le premiazioni per le nostre gara... ne sa qualcosa mia moglie. Ancor più difficile è reperire premi "non banali" - mi vergogno a dare un pacco di pasta da discount a uno che probabilmentne la butterà nel primo cestino che trova.
L'idea forse sarebbe quella (mutuata da gara effettuate lo scorso anno in Rep. Ceca), di dare un bel diplomino ai primi tre e di riservare tutto il monte premi a chi invece di sport magari cerca di viverci o comunque ha dei costi molto maggiori di noi Master.
Quando cerco di convincere Società a organizzare gare di MTBO, una delle problematiche che mi vengono evidenziate e che portano a rispondermi "picche", sono proprio le premiazioni, il loro costo e il tempo per prepararle... Questo è un fatto ragazzi!

Andrea Segatta ha detto...

Scusa Bepi.... " il loro costo e il tempo per prepararle..." ma suvvia!!
A nessun Master interessa davvero il premio "materiale". Mi stupisce davvero che uno con la tua esperienza possa pensare una cosa simile.
Il punto vero è proprio quello richiamato da Augusto: "una competizione sportiva agonistica deve vedere il suo compimento con la reciproca stretta di mano sul podio"
Il pacco di pasta da discount o similare va BENISSIMO, mai sentito nessuno che se ne è lamentato (forse qualcuno ci sarà anche....ma la maggioranza di certo no).
La premiazione per noi Master è essenzialmente la soddisfazione di essere chiamati sul podio e fare una foto da tenere nei ricordi.
Quando sostieni che per prepararle per qualche categoria master pesa "il loro costo e il tempo per prepararle" beh...onestamente rimango esterrefatto.
Nel post ho fatto una simulazione non credo campata per aria su quanto costa in denaro e in tempo estendere la premiazione al 2° e al 3° master classificato..
Pensa poi cosa sarebbe l'Orienteering senza le categorie Master.... un deserto assoluto. Proprio per questo siamo tutti d'accordo nel rivolgere lo sforzo per attrarre i giovani, ma la tua posizione non è logica perchè è volta a prendere a pesci in faccia chi, sostanzialmente, mantiene sostenibile il budget economico delle manifestazioni.